Festival della Comunicazione 2016: perché devi venire a Camogli

Dall’8 all’11 settembre, quattro giorni per discutere insieme di “Pro e contro il web”

La prossima settimana la mia collega e amica Mae di Bohemian Wanderer tornerà in Italia in tempo per vivere insieme a me il momento che aspettiamo trepidanti da un anno: Il Festival della Comunicazione di Camogli. C’è chi lo ama e chi lo snobba, chi fino all’anno scorso ha preferito la Festa della Rete; io e Mae, invece, viviamo questo evento come un’occasione per parlare dei nostri progetti in programma, fare networking e ascoltare qualche buon intervento in un posto che amiamo alla follia.

#FestivalCom 2016: il programma

Se non siete mai stati a Camogli, ma nella vita lavorate nel settore oppure siete degli appassionati, il Festival della Comunicazione (seguite su Twitter l’hashtag #FestivalCom!) è un evento che non potete perdere; le precedenti edizioni hanno visto speaker del calibro di Umberto Eco (padrino della manifestazione sin dalla prima edizione), Annamaria Testa, Pupi Avati, Natalia Aspesi, Piero Angela, Beppe Severgnini, per citarne solo alcuni.

Quest’anno il tema sarà “Pro e Contro il web”, che è anche il titolo della lectio magistralis del semiologo Umberto Eco scelta per l’evento e scritta prima della sua scomparsa; a inaugurare la kermesse al suo posto ci sarà il disegnatore e pittore Tullio Pericoli, con la mostra “Quanti ritratti, caro Umberto”: una selezione di disegni e schizzi realizzati in occasioni ufficiali, che racconteranno per immagini il rapporto non soltanto professionale che ha legato i due fin dagli anni 70.

Moltissimi gli incontri in programma, che saranno suddivisi in sette aree tematiche: scrittura, scienze, arte e spettacolo, comunicazione, imprese, diritti e cultura digitale, tutti in relazione al web. Tra gli ospiti, prenderanno la parola lo chef Bruno Barbieri, con un interessante intervento su “la comunicazione del cibo e l’integrazione delle culture”, il giornalista Aldo Cazzullo con il tema “giornalismo: crisi di contenitori o crisi di contenuti?”, lo scrittore Paolo Giordano (“la narrazione al tempo del web”), Massimo Gramellini (“la velocità e la lentezza della parola scritta”), Beppe Severgnini in coppia con Stefania Chiale (“i social sono la palestra dell’odio?”) e dulcis in fundo, lo scrittore Ian McInerney, allievo di Raymond Carver e autore del best seller “Le mille luci di New York”: a questo nome Mae ha fatto un salto dalla sedia e si è accaparrata subito il biglietto per assistere allo speech: come darle torto?

Il mio “momento groupie” io lo avrò per la seconda volta con Piero Angela, che sarà al Festival con l’intervento “La divulgazione scientifica e pseudo-scientifica nell’epoca del web”: l’anno scorso ci siamo emozionate non poco nel sentirlo parlare con il suo consueto fascino e a pochi metri di distanza. Non so voi, ma io con Piero Angela ci sono cresciuta: Quark era un appuntamento fisso che non perdevo mai; le sue meravigliose lezioni mi hanno fatto digerire argomenti come la fisica quantistica e l’astronomia, la medicina e l’anatomia. Nonostante fossi poco più che una bambina, il programma aveva per me l’effetto di una calamita: non c’era cartone animato che potesse distrarmi dalla coinvolgente narrazione di Angela, alla portata del volgo ma non per questo meno di valore. Questa è la chiave che permette a un comunicatore di diventare un grande: aprire tutte le porte e rendere accessibile la conoscenza è una cosa che non possono e non riescono a fare tutti. Da non perdere!

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

Camogli e la perfetta cornice per il #Festivalcom

Allontaniamoci per un attimo dai concetti impegnativi: se c’è un motivo per andare al Festival ogni anno, questo è Camogli stessa. Una perla vera della nostra Liguria, sempre accogliente, dove si respira un’aria di vacanza anche quando sul calendario sono finite tutte. La sua bellezza non si può raccontare: è antica e al tempo stesso sempre moderna, fatta di creuze (le tipiche stradine strette delle città di mare), di interstizi dove le onde del mare comunicano la loro potenza sferzando gli scogli, scorci in cui i colori delle case riempiono la vista e donano pace e gioia all’istante e senza pretese.

Camogli_creuza

Io sono legata in modo particolare a questa città: ci abitava mio cugino con tutta la famiglia. Mi ricorda la mia infanzia, i momenti più belli e al tempo stesso quelli più difficili. Per me Camogli è vita: ciò che di più bello e di più doloroso abbia vissuto la richiama con prepotenza alla mia memoria.

Camogli_cuori

La poesia del luogo non è fatta di parole: ogni scorcio di questo paesaggio parla una lingua tutta sua. Il colore, il mare, il cielo e la gente hanno un codice proprio che si impara a prima vista: basta saper guardare.

Camogli_scorcio

L’anno scorso siamo partite piene di entusiasmo, io e Mae: era il primo giorno della nostra collaborazione (il primo full time, in verità) e ci siamo nutrite delle aspettative l’una dell’altra; quest’anno è stato strano, duro, emozionante. Gli alti e bassi nel nostro lavoro si sentono come sulle montagne russe, perché il freelance paga molto cara la sua libertà; tuttavia, è una vita fatta di continuo studio, progettazione. Metti a calendario cose che poi non vanno in porto e ne concludi altrettante che puoi mettere a portfolio con orgoglio. Non c’è un giorno che sia uguale all’altro ed è una splendida sfida da portare avanti.

Camogli_spritz

Come l’anno scorso, a un certo punto ci siederemo a contemplare l’orizzonte con in mano uno spritz, Mae a disegnare schizzi sulla sua Midori (se non sai cos’è una Midori, niente paura: basta leggere questo articolo esaustivo) e io ad appuntare le cose da fare in un bullet point che non vedrò l’ora di spuntare. Nell’aria ci sarà ancora odore di estate, e noi ce lo godremo a pieni polmoni.

Camogli_spiaggia

Domenica 11 settembre, ultimo giorno di Festival, prenderà la parola anche Anna Venere, che oltre a essere l’autrice del blog Moda per Principianti è anche la referente per la Liguria dell’Associazione Rete al Femminile: una bella iniziativa nata per creare un network di imprenditrici disposte a supportarsi attraverso le proprie conoscenze, per far sì che il lavoro di tutte possa decollare grazie ai consigli giusti. Chi volesse iscriversi può fare richiesta alle admin nel gruppo Facebook dedicato all’iniziativa.

Ah, ve lo dico, io voglio stringere la mano a Salvatore Aranzulla: quell’uomo non ha idea di quante volte mi ha aiutata a trovare il programma giusto per fare quello che volevo! 🙂

Vi aspetto a Camogli!

4 thoughts on “Festival della Comunicazione 2016: perché devi venire a Camogli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CommentLuv badge

%d bloggers like this:

Utilizzando la barra di scroll o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi