SVEZIA IN TAVOLA: FACCIAMO COLAZIONE INSIEME?

Di quale gruppo fai parte: quelli che, quando viaggiano, scoprono i luoghi che visitano anche con le papille gustative o quelli che non mollano la lasagna nemmeno sotto attacco extraterrestre?

Con questa piccola rubrica voglio portarti a fare pace con il cibo all’estero e – al contempo – incuriosirti con brevi ricette di piatti tipicamente nordici, semplici, di quelli che potresti trovare in tavola non tanto nei ristoranti, quanto in casa di un amico. Non solo l’Italia è “paese di panza e di sostanza”: parti con me per Stoccolma, prendi una sedia, assaggia e… smaklig måltid, buon appetito!

Inizia sempre con una buona colazione: è frukost tid!

Lo so, anche io non riesco ad aprire gli occhi prima del fatidico espresso. Ma ricorda che siamo in Svezia; magari, ospiti di due Sven e Gunilla a caso, che tradurranno la parola “coffee” con una tazza di qualcosa che non somiglia al tuo vecchio amico ristretto. Dimentica per un attimo che a casa hai una routine alimentare consolidata e guardati intorno: la colazione in Svezia è davvero una bella esperienza, non snobbarla.

filmjolk-min

Filmjölk

Cosa si mangia al mattino in Svezia?

Dimentica i biscotti, il Mulino, Banderas e Rosita: qui si mangia soprattutto salato, e in buone quantità. Uno dei motivi è che – banale ma vero – la colazione è un pasto importante e fornisce molte delle energie che brucerai durante la giornata. Inoltre, fa molto più freddo che da noi, perciò è davvero fondamentale non farsi mancare le calorie che ti consentiranno di non trasformarti in un ghiacciolo che cammina. Ecco cosa potresti trovare sulla tavola di Sven e Gunilla:

smorgas-min

smörgås

  • smörgås: non farti fregare dal suono, è buonissimo! Si tratta di una fetta di pane nero – o di knäckebröd (una sorta di cracker ai cereali) ricoperto: puoi provarlo con paté di salmone, di tonno, di prosciutto; con carne di renna, pomodoro o formaggio spalmabile; l’importante è non dimenticare di ungerlo con tanto delizioso burro salato: io ho assaggiato il Bregott, che è da lacrime di gioia. Se sei in giro per Stoccolma, cercalo al Konsum o all’ICA, i supermercati più diffusi;
  • filmjölk: molto simile allo yogurt, ma contiene probiotici di diverso tipo. Non è amabile come i vasetti a cui siamo abituati qui, ha un sapore più pungente. Se vuoi diventare un vero vikingo, però, devi mangiarlo insieme al tuo müesli senza fare storie: sazia e fa molto bene;
  • ägg med Kalles Kaviar: frittata arricchita con uova di merluzzo, che si comprano al supermercato in un comodo contenitore che sembra quello del dentifricio, ma non lo è, tranquilli. Il sapore è sapido e intenso, forse un po’ troppo. Adatto agli stomaci intraprendenti;
  • gröt: il classico porridge. Il più diffuso è di avena, ma non mancano gustose varianti. Viene accompagnato con frutta fresca, frutta secca, cannella, miele e anche marmellata.
  • saft: il saft è uno sciroppo diluito, molto dolce, con cui buttar giù i piatti di cui sopra; qui in italia puoi trovarlo nel reparto gastronomia di IKEA, insieme a tutti i prodotti tipici.
  • juice: succo di arancia. Niente da evidenziare. Sa di succo di arancia.
  • mjölk: latte. Anche questo alimento è come ce lo ricordiamo.
  • te: è diffuso come da noi, se non di più: lo troverete spesso sulle tavole svedesi a colazione.
  • kaffe: è più simile al caffè americano. Attenzione alle macchinette: “starkt kaffe”, caffè forte, significa che non dormirete la notte, ma è sempre diluito.

Avete riempito a sufficienza gli occhi? Perché ora è il turno dello stomaco: non sono una Masterchef, per cui non aspettatevi piatti complicati o proposte gourmet, ma qualche ricetta facile e veloce ve la consiglio con piacere. Buon appetito!

La ricetta: Gröt al burro di arachidi, banane e cocco

grot-burro-di-arachidi-mele-cannella-min

Ingredienti per 1 persona:
1 tazza abbondante di quinoa
sale
1 cucchiaio di semi di Chia
1 cucchiaio di burro di arachidi non zuccherato

Per la guarnizione:

1 banana
cocco q.b.
1 mela (o, se preferisci, una pera)
noci
cannella
latte di mandorle

Preparazione:

Sciacqua la quinoa in acqua fredda corrente, mettila a cuocere in una pentola a pressione con acqua e poco sale, finché i chicchi non si saranno aperti; sbuccia e taglia la mela (o la pera) a dadini. Scola la quinoa e aggiungi il burro di arachidi e i semi di Chia. Mescola fino a quando il burro non si sarà sciolto. Versa il composto in una ciotola e aggiungi a filo il latte di mandorla. Lascia riposare per qualche minuto, in modo che i semi di Chia si gonfino e la quinoa si raffreddi. Guarnisci con la banana, il cocco, la mela (o la pera) e le noci, cospargi di miele e spolvera con la cannella. Servi a temperatura ambiente.

2 thoughts on “SVEZIA IN TAVOLA: FACCIAMO COLAZIONE INSIEME?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CommentLuv badge

%d bloggers like this:

Utilizzando la barra di scroll o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi